1

© Copyright 2018

Gianluca Pica
 


facebook
twitter
linkedin
instagram

facebook
twitter
linkedin
instagram

BLOG DI UNA GUIDA TURISTICA A ROMA

06/01/2019, 12:04

#atourguiderome, #unaguidaturisticaroma, #romeisus, #rome, #roma, #museum, #vatican, #vaticano, #vaticanmuseums, #michelangelo, #art, #renaissance, #marble



LA-FIRMA-LASCIATA-DA-MICHELANGELO


 Ai Musei Vaticani, in particolar modo nel Cortile Ottagono, di meraviglie ce ne sono a bizzeffe! Ma se buttate lo sguardo sui piccoli particolari, rimarrete a bocca aperta...



Nel cortile ottagonale dei Musei Vaticani, assieme a capolavori come il #Laocoonte, troviamo un anonimo basamento in pietra, con queste duelettere, MB, in bella vista. Cosa sono? Perché queste due lettere qui? Sicuramente entrando nel cosiddetto Cortile Ottagonale la vostra vista potrebbe essere distratta da tante altre bellezze, come anche l’Apollo del Belvedere, il Perseo del Canova o le grandiose vasche in granito rosa di epoca romana. Ma c’è anche altro, qualcosa che ha a che con una tradizione difficile da credere certo, ma che dopotutto è affascinante pensare che, dopotutto, possa avere qualche fondo di verità. La tradizione che menzionavo prima ci racconta di come queste due lettere, MB, sianole iniziali del grande #Michelangelo! Il creatore di quel meraviglioso affresco che si trova sulla volta e sul muro dietro l’altare della Cappella Sistina, lo scultore del David o del Mosè, colui che disegnò, così come la vediamo oggi, tutta Piazza del Campidoglio. Cosa ci faceva qui, Michelangelo? Il Cortile Ottagono fu voluto da Papa Giulio II agli inizi del #Cinquecento, in pieno #Rinascimento dunque. Essendo questa l’area privata della sua dimora, ed essendo Giulio II un grande Papa ma anche un ricco uomo, membro della potente famiglia Della Rovere, lui per primo amava circondarsi di bellissime opere d’arte, soprattutto di epoca romana. Era uso e gusto del tempo, dopotutto, esporre ai propri influenti e ricchi ospiti tutto quello che Roma stessa, gli antiquari o i mercanti d’arte potevano avere e vendere. E Giulio II, da buon e nobil uomo dell’epoca, non poteva esimersi dal riempire questo spazio con tantissime meraviglie che hanno duemila anni circa, e non solo. Un luogo, questo cortile, talmente pieno e pregno di bellezza antica da attirare, come api sul miele, uno stuolo di artisti, in particolare grandi maestri, che usavano passare del tempo qui rimirando ed ammirando tali opere d’arte, a volte anche realizzando degli schizzi o, perché no, rimanendo in pura contemplazione. E durante i suoi studi in questo bel cortile, #Michelangelo amava poggiarsi proprio qui, utilizzando questa base comeappoggio per i suoi strumenti, i suoi fogli, le sue mani che tante meraviglie hanno creato nel corso dei suoi 89 anni di vita. Pare che, considerando anche il suo carattere non facile, Michelangelo cominciò a non permettere a nessun altro di poggiarsi sopra tale basamento visto che lo considerava una sua proprietà. E rafforzò per bene il concettodisegnando le sue iniziali! Ci credete o no? #romeisus #Rome #Roma #arte #unaguidaturisticaroma


1
Web agency - Creazione siti web Catania